ARZAN

CD - Folkclub-Ethnosuoni - 2003

     
 

IJ FOI-FOTU’ (da Il Libro del Mondo di Angelo Brofferio, Torino 1802- 1866)

Slarghè pur tute le pàgine
'd col gran lìber mal ciadlà
che an sla tèra e che an sl’océano
Dòmne Dei a l’ha stampà:
pì lo guarde, pì lo médite,
pì lo vòlte ’n su e ’n giù,
pì 'v acòrze d’esse 'd ràcole,
pì 'v conòsse 'd fòj-fotù.

Da una part i vëdde d’nùvole
'd citi pòpol, 'd citi rè,
ch’as ciapulo, ch’a s’anìchilo,
e saveiss-ne almanch përchè!
Ël furor as ciama glòria,
Ël delit as dis virtù,
e l’onor a pianta fàbrica
da bindej p'r ij fòj-fotù.

Con un’aria diplomàtica
guardé coj dël pòrta-feuj
con la sàussa dla polìtica
a fé ‘l bàlsam d’ògni ambreuj
l’onestà, la fede pùblica
l’han venduje al feramiù,
e a distilo ‘l ben dla patria
al lambich dij fòj-fotù.

 

IJ FOI-FOTU’

Voltate pure tutte le pagine di quel gran mal fatto libro
che sulla terra e sull’oceano Domine Iddio ha stampato.
Più lo leggete, più lo meditate, più lo voltate in su e in giù,
più vi accorgete di non contare niente,
più vi rendete conto di essere dei fottuti fessi.

Da una parte vedete nuvole di mediocri popoli, di mediocri re
che si fanno a pezzi e si distruggono e almeno saperne il perché.
Il furore si chiama gloria, il delitto virtù
e l’onore impianta una fabbrica di decorazioni per i fottuti fessi.

Con aria diplomatica guardate i potenti dell’economia
che con la salsa della politica preparano il balsamo di ogni imbroglio.
L’onestà, l’ideale del bene pubblico l’hanno venduti al ferrivecchi
e distillano gli interessi della patria con l’alambicco dei fottuti fessi.