ARZAN

CD - Folkclub-Ethnosuoni - 2003

     
 

POTERE DEL CANTO (Tradiz. / musica R. Aversa - M. Salituro)

Son trè giovo d'Antràime ch’i-j men-o a fé morì
Na son trè giovo e i-j men-o a fé morì
Pì giovo a dis a j'àutri: ”Cantoma na canson!”
Pì giovo a dis: ”Cantoma na canson!”

E tant sì bin ch’a canto a fasìo rimbombé ‘l mar
E tant sì bin ch’ël mar a rimbombava
Marinar ch’a marinavo a s’an chito ‘d mariné, s’an chito 'd mariné

Regin-a a la fënestra: ”Chi a canta così bin?
Chi o l’é-lo che a canta così bin?”
Son trè giovo d'Antràime ch’i-j men-o a fé morì
Na son trè giovo e i-j men-o a fé morì

“Ël prim ant le mie guardie e l’àutr page lo veuj fé
ël prim ant le mie guardie e l’àutr page
‘l pì giovo ant le mie stansie për sentilo bin canté, sentilo sì bin canté”

 

POTERE DEL CANTO

Sono tre giovani di Entraque, li portano a essere giustiziati
Il più giovane dice agli altri: ”Cantiamo una canzone!”

E cantano così bene che fanno rimbombare il mare
I marinai che marinavano smettono di marinare

La regina alla finestra: “Chi canta così bene?”
Sono tre giovani di Entraque, li portano a essere giustiziati

“Il primo nelle mie guardie, l’altro voglio farlo paggio!
Il più giovane nelle mie stanze per sentirlo cantare così bene!”