OTTONI & SETTIMINI

CD - Folkclub-Ethnosuoni - 2000

     
 

DONA BIANCA (Tradizionale / Elaborazione: Aversa)

-“O vostu v'ni o dona Bianca?
o vostu v'ni al ballo cun mi?”
- “O si, si, si che mi a v'niria
ma j'o paura del mè marì”.
- “Va n'tel giardino del mio galante
là iè la testa del serpentin

E ti t'la pie t'la piste 'n puer
e poi t'la bute int'un bicier ad vin”.
E so marì ven cà d'la cassa
- “O dona Bianca jò tanta sei

ma và di la 'nt la butejera
la jè 'n bicier dal vin pi bun”.
E 'l cit anfant l'era ant'la cuna:
- “Papà, papà beive pà luli
che la mamina vol fete murì!”

- “O beivlu ti o dona Bianca
se no t'lu fas beive a fil da spà!”
- “O si che mi lu bevria
ma jò paura d'le mie masnà”.

 

DONNA BIANCA

-"Vuoi venire, o Donna Bianca?
Vuoi venire al ballo con me?"
- "O si ,si, si che ci verrei
ma ho paura di mio marito".
- "Va nel giardino del mio galante,
la c'è la testa di un serpentello.

Prendila, pestala fino a farne polvere
e poi mettila in un bicchiere di vino".
E suo marito torna a casa dalla caccia:
- "O Donna Bianca, ho tanta sete!

Vai in cantina
là c'è un bicchiere del vino più buono".
E il bimbo che era nella culla:
- "Papà, papà non bere!
che la mamma vuol farti morire!"

- "Bevilo tu, o Donna Bianca!
Se no te lo faccio bere a fil di spada!"
- "O si, si, si che io lo berrei
ma ho paura per i miei figli".